l’ARTE del vendersi…male

Eh sì, anche il vendersi male è un arte.

E io in questo ho almeno un Master.

Aggiungiamoci pure che non amo avere rapporti forzati con le persone per convenienza (le chiamano public relation… mah…). E’ che io non mi sforzo di piacere a tutti e questo, fa sì che quando mi relaziono con qualcuno c’è una possibilità che io in partenza non stia particolarmente simpatica, creando un potenziale pregiudizio. Attenzione sono sempre educata e cortese, ma non sono l’anima della festa, se non ho nulla da dire preferisco ascoltare e non sono curiosa dei fatti degli altri.

Per una pessima performance è importante partire male. Regola numero uno.

 OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Poi per peggiorare ci sono mille strade:

  • parlo della mia vita. Non terribile, ma non proprio delle più semplici. La mia storia personale spesso suscita lo sguardo “ti sono vicina”. In realtà io sono felice del mio percorso e per me è un punto di forza… ma ovviamente questo messaggio non passa mai.
  • parlo dei miei lavori, passati e futuri. Ma avendo fatto mille cose e facendo sempre lavori creativi cosa posso fare secondo voi? Minimizzo. Sminuisco quello che faccio per paura che possa suscitare quel “va beh, allora tiratela”.

Ottimo.

  • parlo di hobbies, cibo e sport? Peggio del peggio: non ho hobbies perché lavoro o mi godo la vita insieme a Gio (reazione “sbuffo”), non faccio sport ma sono discretamente in forma (reazione “sì, certo”). Per il cibo mi controllo un po’,e come una dilettante inciampo sempre nel motivare la mia attenzione nel non esagerare citando un inizio di bulimia in adolescenza (reazione “che disagio”).

A volte mi sembra di aver avuto un sacco di vite, incontrato un sacco di persone, fatto davvero un sacco di cose. Alcune pessime e alcune bellissime, importanti. Sono straripante di interessi e vivo di quelle che sono le mie passioni. Ma sono incapace nello spiegarlo, nello spiegare me.

Il risultato di una conversazione può spaziare dal disagio, al precariato, passando per presunzione mal celata alla menosità generica.

Insomma, bene ma non benissimo.😂

 

Si può imparare a sciare da grandi?

Non lo so, non ne ho la certezza, ma la speranza sì.

Mi va bene anche imparare poco e male, intendiamoci. Essere la scarsa del gruppo. Attualmente, di solito il mio posto è quello in rifugio, a lavorare mentre aspetto gli altri per il pranzo. Tra l’essere un nuovo Stenmark e ingozzarmi mentre gli altri sciano ci sarà una via di mezzo nella quale potermi barcamenare!

Così questo 2018 ho deciso di provare.

Per prendere confidenza con l’attività, ho voluto provare a pattinare sul ghiaccio. E nonostante l’inesistente pertinenza con lo sci, Gio mi ha comunque portato a Como a pattinare. Io e i bambini. E i bambini erano bravissimi.

Sono una donna alta 180 scoordinata in un modo sconsiderato. Dannazione!

Ma non sono caduta, nemmeno quando un bambino ha tentato di falciarmi.

Felice della mia imbarazzante performance, in sella al Guzzi (sì, anche a gennaio) siamo andati da Morganair a comprarmi la tuta da sci. Potevo scegliere tra diversi pantaloni e giacconi bellissimi, femminili, direi sexy… e invece no.

La tuta stile meccanico sul manichino ha catturato la mia attenzione e ciao. Bella, grigia e soprattutto intera, dettaglio non trascurabile immaginandomi più per terra che in piedi!

Finalmente è arrivato il venerdì.

Gio aveva provato a chiamare e scrivere all’impianto per richiedere un istruttore. Nonostante la mancata risposta siamo comunque partiti verso i Piani di Bobbio.

IMG-20180109-WA0000.jpg

Di istruttori disponibili neanche l’ombra, per cui niente: Gio non ha sciato e un istruttore bolzanino si è impossessato di lui:

<Brava, vieni giù… piano… fetta di torta e gira… piano…fetta di torta…>

E così fino a pomeriggio inoltrato. Sono caduta tanto, ma sono anche riuscita a fare una pista baby curvando e a spazzaneve… ah no, a fetta di torta!

 

 

la mia pARTIta

È passata una settimana.

Domenica 20 Settembre sono stata invitata a “La Domenica Sportiva” in onda su RAI 2, per disegnare durante la diretta. 😃😃😃

Ok, non c’è bisogno di sorridere accostando me allo sport. 😑

Di sport non è che me ne intenda molto, vero, ma di disegnare Q.B.! Quindi ho accettato di buon grado e ho fatto benone perché è stata davvero una bella esperienza.

CPMThRZWcAAQu-o

Entrare in RAI, camminare per i corridoi, fa il suo effetto. Un effetto che pensavo non mi toccasse particolarmente.

Pensavo.

Io non sono un’invaghita di TV, ma passeggiavo tra la storia della TV, è diverso. Ed è stato emozionante.

In più tanta, tantissima gentilezza da parte di ogni persona con la quale ho avuto a che fare.
IMG_446612009755_743062679131969_2314992738175154471_n

Arrivata, mi sentivo tranquilla, in fondo disegnare è quello che faccio!

Abbiamo deciso il soggetto del disegno poco prima di iniziare la diretta 😳, considerando le notizie sportive della giornata.

Dopo aver cenato sono stata accompagnata al trucco e parrucco e poi sono stata microfonata. 😱

Non mi sentivo più così tranquilla. 😂😂😂Ahahah!

IMG_4522

IMG_46883… 2…

FullSizeRender (2)

…1

Buonasera 😌
IMG_4545

La trasmissione parte e io inizio a disegnare.
11041167_743707839067453_8141412789521345190_n

GRAZIE.

Ho sentito davvero tantissimo affetto e supporto. TANTISSIMO. Tanto da commuovermi. ❤️

Quindi ancora grazie.

Buona domenica.

Angela